Loading

Ritorno al futuro: Sonohra live tra dischi e YouTube

svg11 Aprile 2024LiveRecensioniAndrea Bovo

In un mondo dove tutti i contenuti vengono caricati online, i Sonohra portano live il loro format di Cover acustiche su YouTube, insieme alle loro hit più celebri


I Sonohra fanno tappa all’Hiroshima Mon Amour di Torino con il #Civico6 Club Tour”, che porta dal vivo il loro format di successo su YouTube – chiamato, appunto, #Civico 6 –, cogliendo l’occasione per suonare i loro brani più famosi.

Il logo sul ledwall al centro della scena è la prima cosa su cui cadono gli occhi, che subito si spostano sul palco, pulito e minimale, per giungere infine sul pubblico presente in sala, variegato e di ogni età. Dai fan clubs più scatenati in transenna ai gruppi composti da amici e coppiette, si respira un’aria euforica che tanto ricorda l’odore delle pagine di un Cioè, sfogliato velocemente prima di concludere l’acquisto dal proprio edicolante di fiducia.

Le luci si abbassano, i membri della band raggiungono la propria postazione e Luca e Diego fanno il loro ingresso in scena. Si parte con Arizona, un vero e proprio preludio all’estate che racconta di un viaggio e dispensando vibes dal sapore country. Le chitarre – Luca all’acustica e Diego all’elettrica – sono incisive, protagoniste insieme ai due nelle loro canzoni: Dall’accompagnamento alle parti soliste, che non mancheranno mai per tutta la durata del live. Il tempo di un caloroso applauso ed è subito Destinazione Mondo, per poi procedere con un Liberi da Sempre in salsa 3.0 accolta da grida, applausi e una montagna di scatti fotografici, degni dei migliori paparazzi.

E’ il momento dei primi saluti e dei ringraziamenti al pubblico da parte di Luca, pronto a presentare il loro ultimo singolo Ovunque andrai io ci sarò: una versione inedita di Wherever you will go dei The Calling, registrata proprio insieme al loro frontman, Alex Band. Non mancano i non-ringraziamenti alle radio mainstream, accusate di non passare i loro più recenti lavori. Un vero peccato, perché il brano – proposto con il testo in due lingue, italiano e inglese, riportando subito alla mente le release dei primi anni 2000 al David Letterman Show –, funziona molto bene e non sfigura per niente dal vivo, nonostante l’assenza fisica di Alex.

Ma eccoci al momento, fatidico, di passare a #Civico6″. Si parte con All of Me e She Will be Loved, per proseguire con I Want It in That Way e In The End, canzone che riporta molti dei presenti – Luca compreso – ai tempi delle scuole superiori, ripercorrendo il brivido di quel momento d’estasi nel quale Gohan ha fatto il culo a Cell.

C’è spazio per Baby One More Time e A chi mi dice, fino alla molto più recente Fai Rumore. Tutte cover di circa un minuto eseguite dai soli Luca e Diego, accompagnati dalle loro chitarre acustiche e da uno stompbox. E’ un momento intimo, ricco di armonie vocali e cori del pubblico. L’esperienza è coinvolgente, si ha la sensazione di aver cliccato su una playlist del loro format su YouTube, intervallata da una clip alla Top of the Pops.
Lo show riprende poi le sue hit più famose: con Salvami la band fa il suo ritorno in scena, pronta a farsi presentare insieme alla crew che segue i ragazzi in tour.

Diego abbandona la sua giacca – lasciando le fan desiderose di una cover di Full Monty – e tocca a Rock Show, che fa scatenare tutti i presenti. Si prosegue, poi, con Seguimi o uccidimi, impreziosita dagli assoli di chitarra, assenti nei dischi ma perfettamente inseriti in questa cornice. D’altronde, le parole questa sera non sono molte e arrivano quasi tutte da Luca, l’unico ad intrattenere il pubblico tra un brano e l’altro. Diego lascia che siano le sue dita sulla chitarra a parlare per lui, con suoni rifiniti e ricercati che da sempre strizzano l’occhio al sound di Mark Knopfler dei Dire Straits.

A gran voce vengono invocate le torce dei telefoni, l’intro di pianoforte che dà inizio a L’amore si fa strada nella hall dell’Hiroshima, cantata da tutto il pubblico presente. E’ tempo dei saluti e dei ringraziamenti finali con Si chiama libertà, impreziosita da un mash-up finale con SOS dei Police, che ricorda a tutti quanto sia bello sentire suonare (ma suonare per davvero) la musica dal vivo.

Tra selfie e applausi finali si tirano le somme di quella che è stata una piacevolissima serata, ricca di ricordi, schitarrate e perfette armonie vocali in compagnia dei Sonohra, che si confermano grandi musicisti e ottimi performers. Strumenti in spalla, si torna a casa: il navigatore punta verso il “Civico 6”.

Andrea Bovo

01001110 01101111 01101110 00100000 01100101 01110011 01101001 01110011 01110100 01100101 00100000 01110101 01101110 00100000 01110011 01101111 01100110 01110100 01110111 01100001 01110010 01100101 00100000 01100011 01101000 01100101 00100000 01101110 01101111 01101110 00100000 01100110 01110101 01101110 01111010 01101001 01101111 01101110 01100001 00101100 00100000 01100011 01101001 00100000 01110110 01110101 01101111 01101100 01100101 00100000 01110011 01101111 01101100 01101111

Loading
svg
Navigazione Rapida
  • 01

    Ritorno al futuro: Sonohra live tra dischi e YouTube